Dal lontano 2012 parliamo di CHILOMETRO VERO, giocando con il più famoso e conosciuto CHILOMETRO ZERO. Ma non abbiamo scelto questo slogan solo per la facile assonanza; c’è di più.

Nel 2012, quando un posto a Milano ha aperto i battenti, per tutti noi era – come è tutt’ora – fondamentale collaborare ogni giorno con fornitori, tra cui agricoltori, allevatori, viticoltori, che fossero tra le eccellenze enogastronomiche italiane, il più possibile svincolati dalle distanze territoriali, in cerca delle migliori materie prime per i nostri piatti.

Una sfida che abbiamo scelto di portare avanti negli anni, non senza fatica, cercando produttori di piccole e medie dimensioni, che avessero la nostra stessa passione per il cibo, e una cultura della tavola consapevole e sostenibile.

Perché mangiare (e bere) bene significa anche questo: preoccuparsi di sapere dove e come vengono allevati il pollame e le carni, scegliere il pesce da fornitori di fiducia, utilizzare esclusivamente frutta e verdure di stagione, quando possibile biologici certificati, iniziare a collaborare con vignaioli che producono vini naturali e biodinamici, cioè privi di sostanze additive, per sperimentare e imparare sempre qualcosa di nuovo, e utile soprattutto, anche quando ci sediamo a tavola.

Per spiegare meglio cosa significa tutto questo, ogni giorno, nella quotidianità, abbiamo pensato che i nostri produttori potessero aiutarci e aggiungere valore alle nostre parole.

Inauguriamo così la nuova rubrica LA PAROLA AI (NOSTRI) PRODUTTORI con una chiacchierata con Tommaso Montorfano, che, insieme a Claudio Vaccari, Soumah Fanah, Marcello Requiliani, Tania Toninelli e Alexandra Garofalo, ha deciso di scommettere sulle produzioni pulite, aprendo l’azienda agricola biologica Cascina Fraschina, che produce piantine orticole e aromatiche, certificate biologiche, nel centro di Abbiategrasso, a pochi chilometri dalla città di Milano.

Un’azienda agricola biologica a pochi chilometri da Milano:
Cascina Fraschina

Cascina Fraschina“,  racconta Tommaso, “nasce nel 2014. Siamo un’azienda di giovani (il più “anziano” ha 27 anni!), e abbiamo fin da subito puntato sulla produzione di ortaggi biologici e piantine da orto, cominciando con la coltivazione di solo 3000 metri quadri, fino ad arrivare, dopo due anni, alla coltivazione di tutti i 10 ettari.”

“Nel periodo invernale, in cui fa più freddo, la nostra giornata tipo, inizia alle 7.30 del mattino con un bel caffè bollente, e via!, poi il lavoro! Ognuno di noi ha la propria mansione, così il lavoro è organizzato al meglio: c’è chi si occupa della preparazione degli ordini, chi della raccolta e della preparazione per le nuove semine e i nuovi trapianti e chi invece semina e prepara le piantine da trapiantare. La giornata termina verso le 18.30, con l’organizzazione della giornata seguente.”

Cura e attenzione: gli ingredienti segreti per un prodotto “speciale”

“Sicuramente ciò che rende speciali i nostri prodotti sono la cura e l’attenzione che mettiamo sia nella preparazione del prodotto che nella coltivazione. I nostro ortaggi sono tutti certificati BIO: abbiamo deciso di perseguire questa strada, anche se alcune volte abbastanza faticosa, perché pensiamo che produrre in modo biologico sia la scelta migliore non solo per noi che produciamo e per chi consuma, ma anche per l’ambiente.”

“Un punto a favore dei nostri prodotti è, di certo, la freschezza. Cerchiamo sempre di consegnare prodotti appena raccolti, perché vogliamo che chi li assaggia possa assaporarne la freschezza e la qualità: per preservarle facciamo un grande lavoro di programmazione e preparazione dei campi, sempre rispettando la stagionalità di ogni prodotto. Inoltre, forse proprio perché siamo tutti giovani e ci piace scoprire e sperimentare, offriamo prodotti diversi, particolari, “stranieri” ed innovativi.

 

 

La collaborazione con un posto a Milano

“Sicuramente un posto a Milano rispetta gli ideali e le speranze che anche noi produttori cerchiamo. Per noi rappresenta un cliente che racconta realmente la storia che c’è dietro ai prodotti scelti, chi sono i produttori, cosa fanno e perché. Ecco perché da quando abbiamo iniziato la nostra avventura abbiamo cercato una collaborazione. Inoltre il riscontro molto positivo per i  prodotti che settimanalmente consegniamo di certo ha aiutato a costruire e coltivare un rapporto di reciproca fiducia. Questo è fondamentale, perché ci permette di collaborare in sintonia”.